di Daniele Scarabel

Confida nel SIGNORE con tutto il cuore e non ti appoggiare sul tuo discernimento. Riconoscilo in tutte le tue vie ed egli appianerà i tuoi sentieri. (Proverbi 3:5-6)

Oggi vogliamo parlare di sfide. La nostra vita è piena di sfide. Alcune vengono dall’ambiente che ci circonda: gli esami a scuola, il lavoro, la vita in famiglia… Altre sono sfide nelle quali ci ritroviamo perché ce le siamo cercate da soli: se andiamo a metterci in situazioni difficili, se facciamo scelte sbagliate, se andiamo coscientemente contro la volontà di Dio o se ci lasciamo ingannare dalle menzogne del diavolo. Infine, ci sono anche le sfide che Dio stesso permette per farci crescere e maturare nella nostra fede in Lui.

Nel seguente video i ragazzi del gruppo teens della chiesa (Club 11) ci mostrano una loro reale sfida nella vita quotidiana.

Le sfide sono normali e fanno parte della vita – anche della vita di un credente. Per questo oggi vogliamo porci la domanda: qual è il modo migliore per affrontare una sfida? I versetti che ho letto inizialmente ci danno alcune indicazioni.

Confida nel Signore con tutto il cuore

Il primo punto è:

Confida nel SIGNORE con tutto il cuore… (Proverbi 3:5)

Quando parliamo di scelte fatte col cuore solitamente ci riferiamo a situazioni nelle quali ci lasciamo guidare dai nostri sentimenti o dalle nostre emozioni. Pensate ad esempio a quando si dice “ho seguito il mio cuore…”. Per la Bibbia il cuore rappresenta però tutto il nostro essere: anima e spirito.

Confidare nel Signore con tutto il cuore non è dunque una scelta puramente emotiva. Al contrario! A volte è proprio necessario decidersi di confidare in Dio anche quando tutti e tutto attorno a noi sembrano indicare l’opposto o quando le circostanze vogliono farci credere che seguire un’altra via sarebbe la soluzione migliore o più sicura.

Può sembrare poco logico, ma per confidare nel Signore con tutto il cuore a volte abbiamo proprio bisogno di prendere una decisione con la nostra “testa”, anche se va contro il nostro “cuore”. Per riuscirci dobbiamo però avere e curare una relazione personale con Dio.

Se la nostra fede non è che “religiosità”, se crediamo in Dio perché lo abbiamo sempre fatto o perché siamo stati cresciuti ed educati in un certo modo, ma non curiamo una relazione personale con Dio nella nostra vita quotidiana, è normale che poi nelle sfide non ci verrà spontaneo di confidare in Dio con tutto il cuore.

Chi è per te Dio? Chi è per te Gesù? Lo riconosci come il tuo Salvatore, che è venuto a liberarti dai tuoi peccati per ristabilire il tuo rapporto con Dio? Lo riconosci come tuo Signore che ha il diritto di dirti come dovresti vivere la tua vita?

Diffida del tuo discernimento

Il nostro passaggio biblico di oggi continua dicendo:

…e non ti appoggiare sul tuo discernimento. (Proverbi 3:5)

Paradossalmente, proprio nelle situazioni di sfida, nelle quali avremmo maggiormente bisogno di confidare in Dio, finiamo spesso con l’appoggiarci sul nostro discernimento e preferiamo fare di testa nostra. Ma questo non ha senso, perché quando pensiamo che Dio abbia dei limiti nella sua capacità di aiutarci, in realtà ad essere limitata è solo la nostra capacità di immaginare cosa Lui può fare per noi.

Diversamente da noi, Dio conosce la risposta ad ogni nostra domanda, poiché…:

Come i cieli sono alti al di sopra della terra, così sono le mie vie più alte delle vostre vie, e i miei pensieri più alti dei vostri pensieri. (Isaia 55:9)

Per affrontare in modo giusto una sfida abbiamo bisogno di una sana porzione di diffidenza nei confronti del nostro discernimento. La nostra capacità di risolvere le cose è limitata. Siamo incapaci di determinare ciò che è meglio per noi, siamo dipendenti da quello che Dio ci rivela. Da soli non siamo spesso in grado di trovare la giusta via.

Riconosci che Dio è in controllo

A volte – soprattutto quando le cose vanno male – abbiamo semplicemente bisogno di ammettere che la nostra comprensione di Dio e di ciò che ci aspettiamo che faccia è troppo limitata, perciò…

Riconoscilo in tutte le tue vie… (Proverbi 3:6)

Questo significa che dobbiamo riconoscere che Dio è in controllo in ogni situazione della nostra vita. E non solo a livello teorico. Significa essere disposti ad ubbidire a Dio in ogni singolo ambito della nostra vita.

Nelle sfide che ci vengono poste dall’ambiente che ci circonda – gli esami a scuola, il lavoro, la vita in famiglia – significa assumerci dapprima le nostre responsabilità: studiare per l’esame, fare un buon lavoro, essere dei buoni mariti, delle buone mogli o dei buoni genitori.

In pratica: se so che domani ho un test a scuola, riconoscere Dio come Signore in questa sfida vuol dire che mi impegno a studiare. Naturalmente confido anche nel suo aiuto, ma dire che non studio solo perché confido che Dio mi darà le risposte è semplicemente pigrizia…

Se ci troviamo in sfide a causa di nostre scelte sbagliate o perché abbiamo coscientemente rifiutato di fare la volontà di Dio, dobbiamo dapprima ammettere di aver sbagliato, confessare il nostro peccato e decidere di voler tornare sui nostri passi, per mettere nuovamente la nostra vita pienamente nelle mani di Dio.

E, infine, per quanto riguarda le sfide che Dio stesso permette, significa rifiutare la menzogna che Dio trova piacere nel vederci soffrire, che sia insensibile nei confronti del nostro dolore o che sia cattivo e crudele. La verità che invece dobbiamo accettare è che Dio è sensibile, premuroso, amorevole e protettivo, e che non desidera altro che vederci crescere e maturare come suoi amati figli.

In momenti di incertezza dobbiamo ricorrere a quello che sappiamo: che Dio ci ama così tanto che è stato disposto a permettere che Gesù morisse per noi. Questo ci dà la certezza assoluta che Dio è si prende cura anche della nostra vita quotidiana e che ci mostrerà una via d’uscita nelle nostre sfide.

E Dio agirà!

Se affrontiamo le nostre sfide in questo modo, allora vale la promessa:

…ed egli appianerà i tuoi sentieri. (Proverbi 3:6)

Non vuol, dire che le sfide spariranno, ma che Dio ti aiuterà a superare gli ostacoli o che li toglierà dal tuo cammino. Questo è più che solo dire che Dio ti guiderà, la promessa è che ti porterà sicuro verso il traguardo della tua vita.

Amen

Follow us: