Se viviamo con Gesù, nulla sarà più come prima

18 Dicembre 2022

Video
Audio
Daniele Scarabel

Daniele Scarabel

Pastore

Oggi concluderemo il tema dell’anno “sperimentare Dio” e io mi auguro che tu sia stato sfidato nel vivere secondo la nuova vita che hai ricevuto nel momento in cui hai riposto la tua fede in Cristo. Gesù è venuto in questo mondo per offrirci una vita in abbondanza, quindi non accontentarti di niente di meno!

Presto sarà Natale e ricorderemo la nascita di Gesù, la venuta di Dio sulla terra per essere il “Dio con noi”. Gesù non restò però su questa terra, ma scelse di morire per noi, affinché noi potessimo vivere. Ed è grazie alla sua risurrezione, alla sua vittoria sul peccato e sulla morte che noi oggi possiamo sperimentare Dio nella nostra vita tramite lo Spirito Santo.

L’Apostolo Paolo ci spiega questo mistero a parole sue dicendo:

Perché se siamo stati totalmente uniti a lui in una morte simile alla sua, lo saremo anche in una risurrezione simile alla sua. (Romani 6:5)

Non si tratta dunque semplicemente di qualcosa che Cristo ha compiuto in passato, ma è qualcosa che sta continuando a fare proprio ora nella nostra vita. Per questo oggi vi presenterò otto domande che mirano a farci riflettere sulla nostra vita. Mentre ascolti, permetti allo Spirito Santo di parlarti e di mostrarti com’è lo stato attuale della tua vita.

Stai sperimentando Dio nella tua vita di tutti i giorni? Se pensi che non sia così, allora sappi che Dio oggi desidera riaccendere in te un rinnovato desiderio di sperimentarlo.

Stai sperimentando Dio nella tua vita?

1) Stai vivendo veramente, nel senso eterno del termine? Hai sperimentato il perdono del tuo peccato attraverso Gesù Cristo e stai vivendo libero dall’influenza del peccato sulla tua vita? Puoi affermare di poter stare in questo momento alla presenza di Dio, senza che nulla ostacoli il vostro rapporto?

Se non è così, allora permetti alla potenza della risurrezione di intervenire nella tua vita, chiedendo a Cristo di purificarti da ogni peccato. In preghiera, pentiti del tuo peccato e chiedi a Cristo di riportarti alla presenza del Dio onnipotente e santo. Solo così potrai sperimentare la vita fuori dall’ordinario che Dio ha in serbo per te!

2) Stai vivendo una vita fuori dall’ordinario? Stai vivendo in modo tale che la gente possa vedere Cristo in te, facendo ciò che non potresti fare da solo senza l’aiuto dello Spirito Santo? Perché dovremmo accontentarci di vivere come chi non conosce Cristo? Noi possiamo vivere la vita che Dio ci ha dato come figli di Dio. Siamo partecipi della natura divina e abbiamo la capacità di fare molto di più del mondo che ci circonda.

Non sto parlando di tutto quello che noi potremmo fare per Dio, ma di ciò che Lui può fare attraverso di noi. Se lo desideri, allora puoi esprimere in preghiera che la tua vita appartiene a Dio e che gli dai il permesso di usarla così come Lui lo desidera, per portare gloria a Lui.

3) Stai sperimentando la pace della risurrezione? Non devi vivere con sensi di colpa e di vergogna, ma puoi sperimentare cosa significa avere pace con Dio nel profondo della tua anima.  Ogni volta che Satana ti ricorda il tuo passato, ricordagli il suo futuro. Cristo ha vinto e noi siamo liberi! Se il tuo passato sembra perseguitarti, impedendoti di andare avanti, fermati e prega. Chiedi al Signore risorto di riempirti della sua pace. Chiedigli di confermare al tuo spirito che sei stato completamente perdonato e che sei in regola con Dio.

4) Sei ripieno della gioia del Signore? Gesù ha dichiarato espressamente in molte occasioni che la sua risurrezione ci porta una grande gioia. Anche in mezzo alle prove, possiamo avere una gioia che nessuno può toglierci. Non sono dunque le circostanze a controllare il nostro cuore, ma lo Spirito del Signore. Se senti che stai scivolando nella depressione o che hai perso la gioia della tua salvezza, fermati e prega. Chiedi al Signore di fare ciò che ha promesso, di riempirti della sua gioia.

5) Stai vivendo con la potenza della risurrezione? La potenza che ha risuscitato Gesù dai morti è la stessa potenza che è all’opera adesso nella nostra vita. Quelle aree della nostra vita che erano morte ora sono vive. Il nostro spirito è stato risvegliato e ora abbiamo la capacità di conoscere Dio nella sua pienezza. Questa potenza è all’opera per portare vita in abbondanza.

Se senti che nella tua vita cristiana ci dovrebbe essere qualcosa di più di quello che stai vivendo ora… probabilmente c’è davvero. E si trova solo in una relazione personale con Cristo. Soffermati alla Sua presenza per tutto il tempo necessario a diventare pienamente consapevole della Sua vita che è all’opera nella tua vita.

6) Stai vivendo sotto l’autorità di Cristo? La tua vita è degna del Vangelo? Cristo ci ha dato le chiavi del regno dei cieli. Ci ha affidato il più grande potere sulla terra: il potere del Vangelo. Lo possiamo sfruttare al massimo chiedendo al Signore di usare la nostra vita per portare altri nel suo Regno. Non limitarti ad osservare la partita da bordo campo, ma entra in gioco. Prega affinché il Signore ti dia l’opportunità di far parte del suo grande piano di salvezza.

7) Sei forte e fiducioso nel tuo cammino con Dio? Sei radicato in Cristo o sei facilmente scosso dalle circostanze? Stabilità, fedeltà e fiducia sono segni visibili di chi cammina con Cristo. Chiedi a Dio di mostrarti in cosa stai confidando per dare stabilità alla tua vita. Potrebbe trattarsi del tuo lavoro, della tua famiglia, della tua salute o dei tuoi talenti. Se sei consapevole di cose che hanno sostituito Cristo come fondamento della tua vita, chiedigli perdono e permettigli di ricostruire il fondamento la tua vita.

8) Stai vivendo nella speranza della tua salvezza o hai paura della morte? Nel cuore di un credente non può esserci spazio per la paura di ciò che sarà nell’eternità. Il nostro cuore dovrebbe essere ripieno della fiduciosa aspettativa che tutto ciò che Dio ha promesso si avveri in Cristo. Se pensi alla ricompensa eterna che riceverai in cielo, molte cose che ora forse ti pesano nella vita, diventano molto meno rilevanti. Permetti a Dio di guarire ogni ferita o rimpianto che potrebbe ancora esserci nella tua vita, per poter affrontare la fine dei tuoi giorni riconciliato: con Dio, con gli altri e con te stesso.

Quale di queste domande ti ha maggiormente sfidato? In quale ambito ti senti chiamato in causa? Non guardare a queste domande come se fossero un dito puntato contro di te per farti sentire in colpa, ma come a un’offerta che Dio ti sta facendo. Se senti che in uno o più ambiti c’è margine di crescita, rallegrati! Vuol dire che lo Spirito Santo sta operando nel tuo cuore.

Il mio grande desiderio è che tutti noi possiamo vivere personalmente nella potenza della risurrezione. Che possiamo sperimentare Dio nella nostra vita. Il mio invito è di lasciar perdere ogni scusa e permettere invece che tutte le promesse della risurrezione diventino realtà.

Oggi hai l’opportunità di fare un primo passo in questa direzione, prendendo una chiara decisione davanti a Dio e permettendo che sia Lui a guidare i tuoi prossimi passi. Non voler cambiare tutto su un colpo, ma concentrati su uno o al massimo due di questi ambiti e lascia che sia Dio a fare il resto.

Amen

Altri sermoni

Prepararsi al ritorno del Re condividendo le proprie anime

Prepararsi al ritorno del Re condividendo le proprie anime

…invece, siamo stati mansueti in mezzo a voi, come una nutrice che cura teneramente i suoi bambini. 8 Così, nel nostro grande affetto per voi, eravamo disposti a darvi non soltanto il vangelo di Dio, ma anche le nostre proprie vite, tanto ci eravate diventati cari. 9...

Piacere a Dio più che agli uomini

Piacere a Dio più che agli uomini

Dopo aver introdotto la sua lettera ringraziando Dio per l’esempio dei Tessalonicesi e per tutto ciò che lo Spirito Santo aveva fatto in loro e attraverso di loro, con il capitolo 2 Paolo desidera dimostrare che la sua venuta a Tessalonica non era stata vana. I suoi...

Con gioia al servizio del Dio vivente

Con gioia al servizio del Dio vivente

Domenica scorsa abbiamo studiato la prima parte del capitolo 1 di 1 Tessalonicesi e abbiamo visto come Paolo ringrazia Dio nelle sue preghiere per la fede e la crescita spirituale dei Tessalonicesi. Paolo sapeva che quei giovani credenti erano amati ed eletti da Dio,...